>Preromanticismo, Laura

17/9/07 e 18/9
NEOCLASSICISMO E PREROMANTICISMO IN ITALIA E IN EUROPA
SITUAZIONE STORICA
l'ingresso degli eserciti francesi nel 1796 segna in Italia una svolta
storica di capitale importanza:crollano i vecchi stati assoluti,si formano
organismi politici nuovi,prima le cosiddette repubbliche giacobine poi la
repubblica cisalpina che diviene repubblica italiana ed infine regno
d'Italia.
Queste strutture statali ,ispirate al modello francese,hanno caratteri
decisamente moderni nella pubblica amministrazione,nell'apparato
giudiziario,nell'esercito,nella scuola. Il regime napoleonico contribuì
anche a svecchiare le strutture economiche dell'ancien regime che
costituivano un impaccio all'economia. Queste spinte modernizzatrici furono
però frenate dalla politica imperiale di napoleone che considerava gli stati
vassalli come zone di sfruttamento a favore della Francia. Di conseguenza le
potenzialità di espansione produttiva e di sviluppo sociale furono ben
lontane dal potersi attuare pienamente. all'interno dello schieramento dei
patrioti che appoggiano le innovazione portate dalle armi della Francia
rivoluzionaria,vanno però distinte due tendenze molto diverse:una
decisamente democratica,che aspira ad un radicale cambiamento della
struttura politica,sociale ed economica,in nome dei principi rivoluzionari
dell'eguaglianza;l'altra,di orientamento moderato,mira a graduali e
realistiche riforme che salvaguardino il principio della proprietà privata e
l'egemonia dei ceti superiori.
Inoltre si assiste a una frattura fra due italie: quella dei ceti
colti,patriottici e progressisti,e quella proletaria e contadina,estranea ed
ostile alle idee innovatrici e al processo nazionale.

La necessità di coinvolgere il maggior numero di cittadini nel processo di
rinnovamento democratico e di diffondere fra tutti l'adesione alle nuove
idee da u impulso straordinario alla pubblicistica. ,ma questa azione di
propaganda oltre ad essere svolta dai giornali viene anche svolta dal
teatro. Nascono infatti veri e propri teatri nazionalisti o patriottici che
mettono in scena tutto ciò che del repertorio passato può essere utile a
sostenere le idee libertarie.
Il regime napoleonico instauratosi dopo il colpo di stato del 18 brumaio
1799 e la vittoria di marengo,continua a dare impulso a queste forme di
comunicazione,piegandole però a divenire strumenti di creazione del consenso
al dominio personale del dittatore. Ciò significa perciò la fine di ogni
libertà di dissenso.
gli intellettuali maturano un rapporto ambivalente nei confronti di
napoleone: da un lato nutrono grandi speranze nel suo messaggio innovativo(
è portatore di una cultura illuministico francese) ma allo stesso tempo la
svolta imperialista,ovvero contro i valori ugualitari e di libertà,genera
una grande delusione tra loro. Durante tale periodo infatti (assestarsi del
regime napoleonico),non ebero modo di svilupparsi le potenzialità di una
funzione veramente nuova dell'intellettuale che erano invece in germe nel
prcesso rivoluzionario.Tra questi intellettuali troviamo il foscolo che
nutre grandi aspettative in napoleone ma anche una grande delusione quando
Venezia viene ceduta agli austriaci nel 97 con il trattato di Campoformio.
Foscolo è emblema dell'ambivalenza dei sentimenti dell'intellettuale nei
confronti di napoleone.
Foscolo rifiuta di fare l'intellettuale cortigiano al servizio del potere
mentre per esempio il Monti incarna l'intellettuale cortigiano assumendo
anche il ruolo di funzionario.
Il purismo è un'oreintamento linguistico dominante che si afferma nell'età
napoleonica e rientra nella questione della lingua (risalente al primo
cinquecento). Esprime fedeltà all'orientamento del bemebo che orendeva come
modelli petrarca e boccaccio. È una rezione alla realtà linguistica
dell'illuminismo che si poneva come unico obiettivo quello di affrontare
tematiche attuali.è una reazioen alla libertà linguistica per cui si erano
battuti gli illuministi del caffè. All'interno del purismo ci sono delle
sfumature: i rigidi come il cesari e il puoti e i morbidi il giordani e il
monti. Il giordani è un intellettuale laico progressista e sarà una figura
importante per il leopardi. Il monti propone dei cambiamenti al vocabolario
della crusca,uscito nel 600 e che esprime gli orientamenti classicistie
propone di andare oltre il petrarca e il boccaccio. Sentiva l'esigenza di
una lingua letteraria azionale che non si fermasse al trecento ma mettesse
anche a frutto gli apporti di tutti i grandi scrittori,anche moderni come
parini e alfieri.
I due oreintamenti letterari dominanti in età napoleonica sono il
preromanticismo e il neoclassicismo.
Il preromanticismo è un oreintamento letterario connotato da un'esasperata
soggetività,da una sensibilità marcata,da atmosfere malinconiche,cupe,dal
tema della morte. Esprime un gusto marcato per ciò che è primitivo in
particolare per ciò che è medioevale,barbarico per la natura selvaggia
,inquieta,grandiosa. Si tratta di una sensibilità dominata dal sentire. L'io
preromantico sente angoscia,inquietudine,tormenro,malinconia e
insoddisfazione.
Come dice la parola stessa questo oreintamento ha i caratteri propri del
romanticismo,lo anticipa. Quache critico preferisce parlare di
protoromanticismo (prima fase del romanticismo);qualche critico sottolinea
che è strettamente legato all'illuminismo.questo periodo è u oreintamento
incline a valorizzare la natura,l'io. I paesaggi tipici del preromanticismo
sono le rovine,i cimiteri. All'interno di questa corrente infatti si
distingue una letteratura cimiteriale che ha per oggetto o per luogo il
cimitero,che è un luogo di confine. Il foscolo scrivendo i sepolcri si
ricollegfa sicuramente a questa corrente.
In italia il preromanticismo arriva attraverso le traduzioni di opere
straniere. In francia abbiamo rousseau che scrive la sensiblerie e il
patetico,in ignhilterra si ha a poesia cimiteriale di young e grey. In
italia c'è il pindemonte e il bertola. In inghilterra macpherson fa
circolare delle traduzioni di un antico poeta medievale ossian dando origine
all'ossianesimo che consiste i poemi in prosa lirica.
I poemi di ossian di macphersono oltre a proporre ua summa dei temi cari al
gusto preromantico,inaugurano anche una forma nuova,una prosa lirica che ha
le cadenze,la forza suggestiva della poesia,pur non essendo scandita in
versi. È il segno di un infrangersi delle barriere che tradizinalmente
separavano tra loro poesia e prosa. Non solo,ma i poemi ossianici mescolano
anche narrazione dal taglio epico e passi di carattere lirico,di effusione
sentimentale o descrittivi,abbattendo un'altra barriera tra generi diversi.
In realtà sembra che ossian non sia mai esistito e che macpherson abbia
invitato lo stile di un antico poeta medievale esprimendo il gusto
preromantico.l'ossianesimo è un fenomeno di mimetismo ovvero che imita uno
stile. L'opera del macpherson viene tradotta in italia dal cesarotti che
diffonde questo gusto e infatti altri poeti poi lo imitano. in germania si
ha lo sturm und drang ovvero tempesta e impeto. È il nome che un gruppo di
giovani poeti tra cui goethe. Questi giovani esprimono una sensibilità di
tipo preromantico ossia che valorizza il senitre,il genio individuale in
polemica cn il razionalsimo illuminista e esprimono u forte senso del
sentimento del popolo contro il cosmopolitismo illuminista. Per questo si
può identificare con una reazione all'illuminismo. Sturm und drang dal punto
di vista prettamente letterario significa rifiuto del classicismo. Respinge
decisamente le unità di tempo,di luogo e di azione che costituivano le norme
fondamentali e imprescindibili della tradizione classicistica. Il modello a
cui si guarda è shakepeare.Clopstock che è uno di questi poeti viene citato
nei dolori del giovane werther.
L'altro fenomeno dell'età napoleonica è il neoclassicismo ovvero nuovo
classicismo. È un fenomeno culturale che nasce nell0ambito delle arti
figurative dopo le scoperte di pompei ed ercolano. Il teorico nell'ambito
del neoclassicsmo è winkelmann,un archeologo che viene in
italiateorizzandol'essenza del bello ideale. Secondo lui l'arte antica
esprime un'idea di bello che è il bello ideale. Il bello ideale per lui è
quieta grandezza e nobile semplicità. Fa il paragone con il mare: guardando
il mare ci da l'idea di immobilità ma in realtà ogni sua particella vibra
fortemente. Ogni sua parte è dinamica. Al contrario può essere uno
spettacolo di profondo dinamismo ma le sue profndità sono immobili.questi
sono i due aspetti del bello ideale: il sublime e la grazie;la tensione
drammatica e l'equilibrio statico ovvero l'armonia classica e il pathos
preromantico.
La statua di apollo è una copia romana di un originale greco del IV secolo
a.C.. winkelmann mette in evidenza che è giovane perché la giovinezza è
degna degli dei così come la staticità e la quiete. Apollo è reduce da un
conflitto:ha ucciso il serpente ma non è rappresentato scomposto.. non è
comunque la quiete di qualcuno che non ha sentito,che non ha provato infatti
le narici gli fremono d'ira,ma l'ira è dominata. Si vede il pathos ma allo
stesso tempo il dominio del pathos. Contemplare il bello ideale è quasi
un'esperienza mistica. È un'esperienza che eleva,innalza,rende partecipi di
questa perfezione. Rappresentare la bellezza di apollo significa partecipare
della sua grandezza.
La statua greca è una manifestazione del bello ideale;la bellezza è nobiltà
e grandezza ma anche grazia nitida di linee;la bellezza ideale non esclude
l'intensità delle passionni ma questa è trascesa in una superiore calma e
compostezza;l'atteggiamento di winkelmann è di religiosa adorazione,come
dinanzi a una manifestazione dell'assoluto,del divino:il rapporto con
l'antico diventa una sorta di estasi.
In un altro passo wilkemann distingue tra bellezza individuale ovvero
specifica e il bello ideale che trascende da tutte le bellezze individuali.
In letteratura il neoclassicismo trova espressione in due orientamenti
fondamentali: po' essere semplicemnte un gusto: uso di un repertorio di
immagini eid figure retoriche (iperbato),di un certo lessico (grecismi e
latinismi),usi di paragoni con la mitologia e gusto della descrizione,della
rappresentazione particolareggiata. È quidni Un orientamento stilistico per
paralre di vari argomenti e in partciolare ha una fase rivoluzionaria e una
imperiale. L'emblema del neoclassicismo come gusto è il monti.
Altro orientamento rappresentato dal foscolo è l'interpretare in modo ppiù
fedele la concezione di wilkemann perché per lui la creazione di forme
classiche è il modo per trascendere i limiti della realtà rendendo perfetto
e immortale ciò che è imperfetto e caduco. Nonostante questo il foscolo è
alla base un sensista materialista (dolbach) eppure il classico costituisce
un'illusione di divino,di perfezione.


Alcuni critici sostengono che non si debba confondere preromanticismo e
romanticismo perché il primo è un fenomeno ancora strettamente legato
all'illuminismo.
Neoclassicismo e preromanticismo possono essere letti come due fenomeni che
hanno la stessa radice ovvero la crisi dei valori illuministi. Secondo il
baldi,davanti alla crisi di fiducia in tali valori ci sono due modi diversi
di compensare questa sfiducia. Il preromanticismo lo fa attraverso la
valorizzazione dell'individuo e delle componenti sentimentali e irrazionali
di esso,il neoclassicismo invece attraverso la creazione di un mondo ideale
alternativo all'imperfezione del reale e della storia.

Il romanzo epistolare è una forma narrativa che ha avuto larga diffusione
nel settecento. Viene definito epistolare perché la narrazione delle vicende
si copone attraverso la raccolta di una serie di lettere dei protagonisti
stessi.
Si possono distinguere due tipi di strutture del romanzo epistolare:
la narrazione si costruisce attraversolo scambio di lettere di più
personaggi (nuova eloisa di rousseau);
la marrazione risulta dalle lettere del solo protagonista (werther e ortis).
Nel primo caso si ha una molteplicità di punti di vista. Nel secodno caso la
lettera tende a diventare più una sorta di diario intimo.
Caratteristiche comuni a tutte le forme del romanzo epistolare sono: i
narratori sono i perosnaggi stessi;la narrazione è di fatto al presente. Il
futuro è ancora sconosciuto e ciòà da amggior immediatessa drammatica e
consente di seguire l'oscillare dello stato d'animo del personaggio. Il
romanzo epistolare è la forma più adatta per poter esprimere il
sentimentalismo.

Il monti si adatta progressivamente ai diversi orientamenti politici ed è
quindi emblema della flessibilità politica (anche cicerone si adeguava ai
mutamenti pur di restare nell'ambito politico). Da un altro punto di vista
coniuga neoclassicismo e preromanticismo infatti esprime sentimenti
preromantici in stile neoclassico. Scrive anche un ode al signore di
montgolfier celebrando l'invenzione della mongolfiera e quindi trattando un
argomento scientifico adottando però uno stile neoclassico
(mitologia,iperbato,latinismi e grecismi). Al monti si deve anche un sermone
sulla mitologia in difesa della poesia classica.
Lo stile preromantico spesso è dominato dal poathos e dall'eccesso ma a
volte trova anche espressione in uno stile classicheggiante.
Non so cosa centra me lei ha detto che keats scrive un ode,l'ode su un'urna
greca,in cui viene celebrata la perfezione dell'arte perché sottrae mano al
tempo. Il giovane che einsegue la fanciulla (rappresentati sull'urna) non
invecchierano mai e l'amore non potrà mai passare perché l'arte ha fermato
questo momento nel tempo. Si tratta di n concetto winkelmanniano.
Ricordate questo piccolo dettagli perché costato numerose ricerche a me,alla
marghe e a zillo...e brunelli ha partecipato al totoscommesse!


SCHEMA RIASSUNTIVO
IL NEOCLASSICISMO IN ITALIA:
-uso di un certo repertorio e di certi stilemi. Tratta contenuti vari
(monti)
-strettamente legato al bello ideale attribuisce all'arte una sorta di
funzione mistica. L'arte è la più grande illsuione. Creare delle forme
perfette e contemplarle significa liberarsi,seppur in maniera illusoria da
ciò che è imperfetto,materiale (foscolo. Ricordiamoci che comunque era un
sensita materialista)